Approvato il Pieno Economico e Finanziario del Consorzio Industriale

Il Piano Economico e Finanziario, approvato nei giorni scorsi dall’assemblea del Consorzio Industriale Provinciale di Sassari, rappresenta lo strumento di programmazione, analizza i percorsi strategici, e individua le prospettive di sviluppo.

Il Consorzio sta attuando un riposizionamento strategico sia sotto l’aspetto puramente economico sia sotto quello di una nuova vision: un’attività non più concentrata soltanto su pianificazione urbanistica e realizzazione di infrastrutture, ma su obiettivi di medio e lungo periodo per interpretare il ruolo fondamentale di Ente promotore dello sviluppo industriale. Il Consorzio individua, quindi, tra gli obiettivi principali anche quello di migliorare l’offerta localizzativa per favorire l’attrattività degli agglomerati industriali, da sviluppare anche con una efficace azione di marketing territoriale.

L’obiettivo del CIPS è chiaro – esordisce il presidente Valerio Scanu: “presentare agli operatori economici nazionali e internazionali l’offerta localizzativa dell’Ente, ponendo in evidenza le enormi potenzialità derivanti dalla posizione geografica (collegamento diretto sulla maggiore arteria stradale della Sardegna, al porto di Porto Torres e all’aeroporto di Alghero) e dai servizi offerti (strade, illuminazione, idrico-fognario e, entro breve, rete del gas e fibra ottica)”. 

Il Consorzio partecipa all’attuazione del Progetto di riconversione e riqualificazione industriale (P.R.R.I.) dell’Area di Crisi Complessa di Sassari – Porto Torres. Sul primo bando di Invitalia, appena concluso, sono stati presentati progetti di investimenti per circa 41 milioni di euro con una previsione occupazionale di 208 lavoratori.  Il CIPS proseguirà l’azione di confronto con i Ministeri competenti e la Regione Sardegna affinché al primo stanziamento di 22 milioni euro a favore delle imprese seguano una serie di interventi per la completa attuazione del Programma.

Parallelamente agli interventi di risanamento ambientale previsti dal PRRI, il Consorzio si sta attivando per retrocedere aree industriali dismesse utili alla riconversione del sito di Porto Torres, con particolare riferimento a quelle retroportuali per favorire il rilancio della cantieristica navale e dell’economia del mare in genere. In questo senso il CIPS prosegue il confronto con ENI Rewind per realizzare il trasferimento di aree già bonificate e idonee per la creazione di un nuovo polo industriale.

Sempre in tema di recupero e riutilizzo delle strutture dismesse, il CIPS ha avviato una fase di ricognizione delle aree e dei capannoni intestati ad imprese inattive e che potranno essere retrocesse a favore di nuovi operatori economici.

Sul fronte degli investimenti infrastrutturali, il depuratore consortile di Porto Torres sarà interessato da un importante intervento di revamping completo. L’impianto, che serve l’area industriale di Porto Torres e di Truncu Reale, le società del gruppo ENI e la città di Porto Torres, costituisce una infrastruttura irrinunciabile per il territorio.  Inoltre, sono attualmente in fase di esecuzione i lavori di posa della rete del gas e della infrastruttura per la fibra ottica nei tre agglomerati industriali. Il completamento dei lavori, prevedibile entro la fine dell’anno, consentirà la dotazione completa dei servizi di base, oggi ritenuti indispensabili per ogni attività d’impresa e contribuirà a migliorare l’attrattività delle aree gestite dal CIPS.

Sotto il profilo ambientale, per una migliore gestione delle terre di spazzamento e della posidonia spiaggiata in esubero nel nord Sardegna, proseguono le attività progettuali per la realizzazione di un impianto nel sito industriale di Alghero San Marco.

Un altro iter favorirà lo sviluppo di attività di trattamento e recupero di rifiuti urbani e assimilati, oltre a quelli liquidi speciali, attraverso partnership con altri operatori pubblici e privati, incentivando processi innovativi che permettano il recupero di materiali e di energia, anche sotto forma di biocarburanti avanzati, supportando politiche di mobilità ecosostenibile.

“E’ questo il momento per guardare avanti. Il potenziale competitivo dell’agglomerato industriale di Porto Torres porta oggi a considerare la produzione dell’idrogeno da fonti rinnovabili (fotovoltaico e eolico) e il suo utilizzo – prosegue Scanu – come la principale filiera produttiva target verso la quale rivolgere in maniera prioritaria l’offerta del Consorzio Industriale, che potrebbe generare la creazione di un importante “distretto dell’idrogeno”.  Gli elementi ci sono tutti: disponibilità di aree e acqua dal depuratore consortile, un porto industriale di grandi dimensioni e presenza di maestranze altamente qualificate, espressione del territorio”.

Con questi presupposti, il CIPS ha stabilito che i prossimi impianti fotovoltaici potranno essere realizzati solo nell’ipotesi che siano funzionali alla produzione di idrogeno.

“Sempre in tema di transizione energetica proseguono le interlocuzioni con SNAM per individuare soluzioni e modalità di approvvigionamento del GNL a Porto Torres, compresa l’identificazione dell’area di servizio – conclude Scanu – in linea con le proprie competenze istituzionali e con la programmazione strategica territoriale.  Proseguono anche le sollecitazioni alle istituzioni regionali e nazionali per favorire la riconversione della centrale a carbone di Fiume Santo, in linea con gli obiettivi della decarbonizzazione prevista per il 2025”. 

PIANO ECONOMICO 2021-2022-2023 e PIANO FINANZIARIO 2021

Bando Mise. Su Porto Torres e Sassari programmi di investimento per 41 milioni di euro

Il Polo di Porto Torres è uno dei complessi industriali del settore petrolchimico in Italia che ha subìto nel corso del tempo una riduzione delle attività, oltre che una ingente perdita occupazionale, a causa dei processi di delocalizzazione e deindustrializzazione. Uno stato di cose che ha portato a dichiarare i comuni di Sassari e Porto Torres Area di crisi industriale complessa.

Lo scorso anno con la chiusura dell’iter che ha portato all’accordo di Programma, Ministero dello Sviluppo Economico, Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro, Ministero dell’Ambiente, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Regione Autonoma della Sardegna, Provincia di Sassari, Comune di Porto Torres, Comune di Sassari, Autorità di Sistema portuale del mare di Sardegna e Invitalia si sono impegnati ad attuare il Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) dell’area.

L’accordo che ha disposto, in questa prima fase, di una dotazione finanziaria di 22 milioni di euro, di cui 20 stanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico a valere sull’intervento nazionale Legge 181/89 e 2 milioni stanziati dalla Regione Sardegna a titolo di cofinanziamento. Risorse destinate allo sviluppo dell’area interessata e a dare nuova linfa alle iniziative imprenditoriali.

Per un bando che è scaduto lo scorso 15 marzo e per il quale sono giunte sei domande di finanziamento per un totale di programmi di investimento pari a quasi 41 milioni di euro. Le agevolazioni richieste dagli investitori sono state poco di 27 milioni di euro. In sintesi gli investimenti richiesti dovrebbero creare circa 210 posti di lavoro nelle aree industriali individuate.

“Abbiamo sempre creduto che si dovessero attuare strumenti concreti per agevolare non solo lo sviluppo ma anche, e soprattutto, il rilancio delle nostre aree industriali – spiega il presidente del CIPSS, Valerio Scanu – e questo bando lo ha dimostrato. Certo si poteva pensare a qualche intervento imprenditoriale in più, l’elemento fondamentale a questo punto era quello di dare un segnale di ripartenza”.

Il Progetto di riconversione, elaborato e coordinato da Invitalia, ha la finalità di promuovere gli investimenti – minimo un milione di euro- nel settore della chimica verde e della bioeconomia, rafforzare il tessuto produttivo esistente, attrarre nuovi investimenti e sostenere il reimpiego dei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro.

“Siamo consci del fatto che il periodo è complicato per tutta una serie di motivazioni- aggiunge Scanu- e che altre iniziative arriveranno con nuovi strumenti agevolativi che stanno per essere varati, in grado di aprire nuove prospettive di investimento. L’elemento da tenere in considerazione, a questo punto, è l’aver compiuto un primo significativo passo in avanti.” 

Revamping impianto di depurazione consortile, arrivano 4 milioni dalla Regione Sardegna


Il Consorzio Industriale Provinciale di Sassari è proprietario e gestore dell’impianto di depurazione delle acque reflue che si trova nell’agglomerato industriale di Porto Torres, un impianto che tratta i reflui industriali provenienti dalle aziende del gruppo ENI e dall’agglomerato industriale, quelli civili del comune di Porto Torres ed importanti volumi di rifiuti liquidi provenienti da tutta l’Isola.

Il revamping del depuratore consortile di Porto Torres, è stato inserito –con un contributo di oltre 4milioni di euro- su proposta del Consorzio, come prima priorità tra quelle infrastrutturali del territorio all’interno del Progetto di Riconversione e riqualificazione industriale elaborato da Invitalia.

Con questi presupposti, il Cipss ha ritenuto di fare istanza per l’accesso al finanziamento a valere sul bando relativo alle «Direttive Regionali sulle sovvenzioni per la realizzazione di opere infrastrutturali nelle aree di crisi delle province di Sassari, Nuoro e Ogliastra. l.r. n. 5/2015 art. 5, comma 19» dell’assessorato all’Industria della Regione Sardegna, presentando un progetto di revamping complessivo dell’impianto, che puntasse sull’ammodernamento delle sezioni di trattamento, con la contestuale messa a norma degli impianti elettrici e alla realizzazione di azioni di consolidamento strutturale di alcuni fabbricati esistenti. 

“Ritengo doveroso ringraziare la Giunta regionale e l’assessora all’industria Pili per l’attenzione dimostrata nei confronti dei consorzi industriali. L’importante stanziamento al nostro ente è la sintesi di una efficace programmazione con la missione della Regione Sardegna a favore della riconversione e riqualificazione industriale- è il commento del presidente del Consorzio industriale, Valerio Scanu- L’efficientamento dell’impianto consortile rappresenta un risultato ad alto valore strategico per l’importante servizio messo a disposizione del territorio, mirato al rigoroso rispetto della normativa in campo ambientale e per favorire economie di spesa da destinare ad altre infrastrutturazioni e servizi.”

Un’azione, che si articolerà in un anno, e per la quale saranno necessari 5milioni e 200 mila euro. In questo quadro l’intervento sarà sostenuto dall’assessorato regionale all’Industria che ha destinato al Consorzio industriale la somma di 4milioni160mila euro, il restante milione e 40mila euro saranno a carico del Consorzio stesso a titolo di cofinanziamento.

“È un altro passo importante che si aggiunge al recente stanziamento del MISE a favore degli investimenti produttivi, nonché alle attuali diverse iniziative del CIPS per sostenere l’attrattività delle imprese, nell’ottica di un percorso virtuoso per lo sviluppo economico nel nord ovest della Sardegna.” Aggiunge lo stesso Scanu.

Gli interventi consisteranno principalmente in adeguamenti funzionali, energetici e migliorativi della sicurezza complessiva dell’impianto, questi ultimi riguardanti sia il consolidamento strutturale che la sicurezza elettrica. L’impianto presenta una serie di criticità, dovute sia al passare del tempo che all’evoluzione della normativa tecnica degli ultimi 35 anni, che rendono improrogabile una sua corposa ristrutturazione.

“Il depuratore realizzato nei primi anni 80 è già stato oggetto negli ultimi anni di interventi di adeguamento- evidenzia il direttore del Consorzio e Gestore dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, Salvatore Demontis- ma l’obiettivo del Consorzio è quello, più ambizioso, di un intervento strutturale di adeguamento e ammodernamento complessivo per il quale occorrevano però risorse importanti che sino ad oggi non erano nella disponibilità dell’Ente. Anche per questa motivazione il Consorzio ha scelto di partecipare al bando regionale con il progetto in argomento piuttosto che con altri investimenti. Saremo finalmente in grado di osservare tutte le best practices nel settore della depurazione, con un’attenzione massima alla tutela dell’ambiente, che costituisce uno dei valori portanti della governance del Consorzio. Un ringraziamento particolare ai Settori Ambiente e Tecnico dell’Ente, che sono stati in grado di elaborare un progetto di grande valenza tecnica e scientifica.”

Avviso di rinvio – Convenzione per la caratterizzazione e bonifica delle aree pubbliche dell’agglomerato industriale di Porto Torres – Roma 14 marzo 2012 (MATTM – RAS – CIP.SS – Comune di Porto Torres). Caratterizzazione foce del Rio Fiume Santo

Convenzione per la caratterizzazione e bonifica delle aree pubbliche dell’agglomerato industriale di Porto Torres – Roma 14 marzo 2012 (MATTM – RAS – CIP.SS – Comune di Porto Torres). Caratterizzazione foce del Rio Fiume Santo. Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara, ai sensi degli artt. 1 comma 2 lett. b) del D.L. 76/2020, art. 36 comma 2 e art. 58 del D.Lgs. 50/16 e ss.mm.ii, da aggiudicare con il criterio del minor prezzo.

Si avvisa il pubblico che il sorteggio previsto per le ore 10:00 del 12/05/2021 è rinviato a data da definirsi in ragione della necessità da parte del Consorzio Industriale Provinciale di Sassari di effettuare opportune verifiche circa i requisiti di partecipazione dichiarati dai partecipanti all’avviso esplorativo per l’acquisizione di Manifestazione di Interesse.

Avviso di selezione interna, riservata al personale dipendente CIPSS – Responsabile del Servizio Finanze Bilancio e Controlli, categoria C.

Avviso di selezione interna, riservata al personale dipendente CIPS a tempo indeterminato e attualmente inquadrato nella categoria “C” o B” del vigente CCNL , per la copertura di un posto di Responsabile del Servizio Finanze Bilancio e Controlli, categoria C posizione economica C2 del vigente CCNL per i dipendenti dei Consorzi ed Enti di Sviluppo
Industriale.

Accesso alla documentazione

Manifestazione d’interesse. Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara – Caratterizzazione foce del Rio Fiume Santo.

Convenzione per la caratterizzazione e bonifica delle aree pubbliche dell’agglomerato industriale di Porto Torres – Roma 14 marzo 2012 (MATTM – RAS – CIP.SS – Comune di Porto Torres). Caratterizzazione foce del Rio Fiume Santo.
Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara, ai sensi degli artt. 1 comma 2 lett. b) del D.L. 76/2020, art. 36 comma 2 e art. 58 del D.Lgs. 50/16 e ss.mm.ii, da aggiudicare con il criterio del minor prezzo.

Accesso alla documentazione

Procedura aperta, per la fornitura di reagenti chimici generici necessari per l’attivazione dei processi del depuratore consortile di Porto Torres.

Procedura aperta, da espletarsi mediante l’utilizzo della piattaforma telematica SardegnaCat, finalizzata alla conclusione di un accordo quadro per ogni lotto con un unico aggiudicatario per la fornitura di reagenti chimici generici necessari per l’attivazione dei processi del depuratore consortile di Porto Torres (SS).

Bando di gara
Lotto 1 CIG: 869847617a
Lotto 2 CIG: 86984869b8

Accesso alla documentazione di gara

Procedura aperta, per la fornitura di reagenti chimici specifici necessari per l’attivazione dei processi del depuratore consortile di Porto Torres.

Procedura aperta, da espletarsi mediante l’utilizzo della piattaforma telematica SardegnaCat, finalizzata alla conclusione di un accordo quadro con un unico aggiudicatario per la fornitura di reagenti chimici specifici necessari per l’attivazione dei processi del depuratore consortile di Porto Torres (ss).

Bando di gara
Cig lotto 1: 8664792c8c
Cig lotto 2: 8664800329
Cig lotto 3: 8664804675

Accesso alla documentazione di gara

Avviso di rettifica – Procedura aperta – Messa in sicurezza serbatoi ex Vinyls

Avviso rettifica Procedura aperta per gli “Interventi di Messa in Sicurezza di serbatoi e vasche presso l’area CVM della Fallimento Vinyls S.p.a.” Pubblicata in GURI n. 19 del 17.02.2021.
A seguito di modifiche al Bando di Gara, al Disciplinare, agli Allegati: Domanda di Partecipazione (Allegati A1/A2/A3), A_08.1 Certificati Analitici il termine di presentazione delle offerte viene prorogato dal 19.03.2021 al 09.04.2021 ore 13,00; l’apertura delle offerte dal 23.03.2021 al 12.04.2021 alle ore 10.00.
Documentazione integrale disponibile su https://www.sardegnacat.it.
Il responsabile del procedimento
Ing. Mauro Delogu

Selezione Operai Elettrico/Elettromeccanico – Idraulico/Edile

Verbali delle Commissioni Esaminatrici e documentazione Bandi

Selezione operaio elettrico/elettromeccanicoLink
Verbale della Commissione Esaminatrice n 1 del 17/03/2021 - Elenco dei Candidati AmmessiCommissione esaminatrice - Verbale n. 1 del 17/03/2021 - Allegato B Candidati ammessi
Verbale della Commissione Esaminatrice n 1 del 17/03/2021 - (Elenco dei Candidati Ammessi e Non Ammessi)Verbale n 1 del 17/03/2021
Documentazione BandoDocumentazione Bando

Selezione operaio idraulico/edileLink
Verbale della Commissione Esaminatrice n 1 del 03/03/2021 - Candidati Ammessi Commissione esaminatrice - Verbale n. 1 del 03/03/2021 - Allegato B Candidati ammessi ammessi
Verbale della Commissione Esaminatrice n 1 del 03/03/2021 - (Elenco dei Candidati Ammessi e Non Ammessi)Verbale n. 1 del 03/03/2021
Documentazione BandoDocumentazione Bando

PTPCT 2021-2023 – Osservazioni

Consultazione Pubblica
Il Consorzio Industriale Provinciale di Sassari deve provvedere ad aggiornare il “PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA TRASPARENZA 2020/2022”, ai sensi della Legge 6 Novembre 2012, n°190 come modificata con legge n. 3/2019 e del PNA 2019, approvato con Delibera Anac n. 1064/2019, azione necessaria per prevenire fenomeni di corruzione, il rispetto dei doveri di diligenza e lealtà a servizio dell’interesse pubblico attraverso la più ampia trasparenza ed accessibilità del cittadino alle attività amministrative.

A questo fine l’Ente, nella persona del Direttore Generale, Dott. Ing. Salvatore Demontis, nominato con Delibera C.d.A. n. 809 del 26.03.2018, quale Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, in vista dell’approvazione del Piano Triennale della Prevenzione della Corruzione e Trasparenza 2021/2023 ed in ottemperanza alla determinazione ANAC n. 831/2016, avvia una consultazione pubblica per raccogliere i contributi e i suggerimenti di tutti gli attori del sistema amministrativo.

L’obiettivo della consultazione pubblica é quello di consentire la libera e volontaria partecipazione attiva di tutti i portatori di interesse delle attività e dei servizi resi tanto per le attività in corso quanto per quelle che si svilupperanno in prosieguo.

L’Ente tiene conto dell’esito della consultazione in sede di elaborazione del P.T.P.C.T. e in sede di valutazione della sua adeguatezza, anche quale contributo per individuare le priorità di intervento.

Le consultazioni avvengono mediante raccolta dei contributi via web oppure nel corso di incontri con i rappresentanti delle associazioni di utenti.

L’esito delle consultazioni sarà riportato in apposita sezione dell’aggiornato P.T.P.C.T con riferimento alla modalità di partecipazione e degli input generati da tale partecipazione e verranno adoperati per l’aggiornamento del Piano di prevenzione.

Tutti i contributi, le riflessioni e le proposte di miglioramento potranno essere trasmesse alla casella di posta certificata protocollo@pec.cipss.it entro il 25.03.2021.

Per informazioni potrà essere contattato il Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, Dott. Ing. Salvatore Demontis (direttore@cipss.it) o l’Ufficio Trasparenza ed Anticorruzione (annalisafiori@casi-sassari.it).

Si ringrazia per il contributo

IL RPCT
Dott. Ing. Salvatore Demontis

Allegati:
Avviso pubblicazione PTPCT 2021-2023
Bozza PTPCT 2021 – 2023 CIP Sassari
Modulo osservazioni PTPCT 2021-2023